Più sicurezza meno love story. In spiaggia si cambia

In arrivo l’ordinanaza balneare 2017: spiaggia illuminata dalla notte all’alba

D’ora in avanti al mare la notte degli innamorati sarà  sempre più difficile. L’appartarsi con la propria partner o il proprio boyfriend sotto le stelle, garantiti dalle tenebre, non sarà  più possibile ed è presto detto il perchè. Sarà  pubblicata, infatti, la settimana dopo Pasqua l’ordinanza balneare valida per la stagione 2017. L’assessore Roberta Frisoni e i tecnici del Comune hanno incontrato giovedì le categorie '“ fa sapere Palazzo Garampi – per definire gli ultimi dettagli rispetto alle principali novità  introdotte dall’ordinanza, che riguardano in particolare l’illuminazione e il decoro della spiaggia. Nei prossimi giorni verranno raccolte le ultime indicazioni degli operatori. Con il provvedimento di quest’anno si introduce l’obbligo per gli operatori di spiaggia di accendere gli impianti di illuminazione dal tramonto all’alba, negli stessi orari previsti per l’illuminazione pubblica. Questa misura, che sarà  valida dall’ultimo weekend di maggio al secondo weekend di settembre, nasce dalla volontà  di garantire la massima vivibilità  e sicurezza della spiaggia anche durante le ore notturne, venendo così incontro da una parte alla richiesta di residenti, turisti e degli stessi operatori, agevolando anche il lavoro delle forze dell’ordine per la tutela e la vigilanza di un tratto di territorio esposto e sensibile.

Altra novità  contenuta nell’ordinanza balneare riguarda la possibilità  da parte degli operatori di realizzare schermature dell’area in cui sono posizionati i contenitori per la raccolta dei rifiuti dati in dotazione dal gestore. Le schermature dovranno essere realizzate con doghe orizzontali di legno o con fioriere e piante.

Sempre nell’ottica di migliorare il decoro e l’impatto visivo delle strutture della spiaggia, l’ordinanza prevede di uniformare le plance pubblicitarie che i concessionari possono collocare agli ingressi degli stabilimenti. Le plance di cui sopra dovranno essere di modello unico e realizzate nel rispetto delle prescrizioni del Piano dell’arenile.

Ultimo aspetto di novità  riguarda invece l’introduzione della possibilità  per i concessionari degli stabilimenti e per i mosconai di ricoverare un natante a remi di eventuali privati che ne faranno richiesta. Questo sarà  possibile solo dopo aver informato l’ufficio Demani e a condizione che i natanti siano  assicurati, tenuti in ordine, e privi di ogni attrezzatura.

Confermate invece le altre prescrizioni, dal divieto di accesso alla spiaggia dall’1 alle 5 del mattino (ad eccezione della concomitanza con manifestazioni organizzate dall’Amministrazione), all’ampiezza delle fasce di battigia destinate al libero transito (5 metri nella zona di Rimini Nord, 20 metri nella zona di Rimini Sud).

SHARE IT: