U N’E’ MAI TROP TERD: Riscoprire il dialetto riminese con Luciano Monti. “E SIRENON..” – “LA SIRENONA”

– di Luciano Monti

“E Sirenon…”

Zò a tl’aqua quant siréni
che lim giva: “ Dai , dai vieni !!! “
ma te cul mè a butèm
a so ste se sugamèn
sla batigia ilé te sòt
a pansè: “ A stagh o am bòt ???”
Fina a che un sirenon
s’un gran cul e do titon
la m’ha fat boca da rid
e mè alòra am so elz in pid
e aiho mand un bès sla mèna
cl’ha fat còlp a s’cla puréna.
An vi dégh dop cam so bòt
a sla spiagia i m’ha vést tòt
a fe invròc a sla siréna
còm fa e gal a sla galéna.
Ma al savì che se piò bel
lì la m’ha cavè i’ucèl
e sla coda da balena
cumè quant fòs una mena
la m’ha dè un gran s-ciafon
che u m’è rèst imprès tla faza
tòt l’impronta ad cla cudaza
e la zènta tòta a rid
chi bativa mèni e pid
e i’urlèva : “ Brèva, brèva
propia quel cus meriteva…”.
E isè mè per l’ocasion
ne da gal ne da sburon
a so pas cridim dabon
da pataca e da quajon… e zà !!!

 

“La Sirenona…”

Giù nell’acqua quante sirene
che mi dicevano: “ Dai, dai vieni !!!”
ma col cavolo buttarmi
sono rimasto sull’asciugamano
sulla battigia lì all’asciutto
a pensare : “ Mi butto o non mi butto ??? “
Fino a che una sirenona
con un gran culo e due tettone
mi ha fatto un gran sorriso
e io allora mi sono alzato in piedi
e gli mandato un bacio con la mano
che ha fatto colpo sulla poverina.
Non vi dico dopo che mi sono buttato
sulla spiaggia mi hanno visto tutti
a fare avvinghiato alla sirena
quello che fa il gallo con la gallina.
Ma lo sapere che sul più bello
lei mi ha tolto gli occhiali
e con la coda da balena
come se fosse una mano
mi ha mollato un gran ceffone
che mi è rimasto impresso sulla faccia
tutta l’impronta di quella codaccia
e la gente tutta a ridere
battendo mani e piedi
urlava : “ Brava , brava
proprio quello che si meritava… “.
E così per l’occasione
ne da gallo ne da sborone
sono passato credetemi davvero
da pataca e da coglione… e già !!!

nu fidèv mai dal sirenoni – Luciano

SHARE IT: